Mese: dicembre 2017

Come ottenere cambiamenti nell’immagine a lungo termine?

Siamo intenzionati a scrivere le nostre risoluzioni 2018 e molte cose passano per la nostra mente su come migliorare la nostra immagine personale.

Che se ci adegueremo ad una dieta, se salveremo di più, se compreremo solo ciò che è necessario, che un cambiamento qua e là. In breve, ci sono molte intenzioni e non sempre molti risultati a lungo termine. Quindi oggi esamineremo il punto in cui possiamo prendere in considerazione 5 raccomandazioni chiave per concentrarci meglio su ciò che vogliamo raggiungere a livello di immagine personale per il prossimo anno.
Vieni con me?

 

COME VENDERE DI PIÙ CON GLI INFLUENCER A NATALE?

È già Natale, ci sono alberi illuminati in tutte le finestre, Spotify ci consiglia i migliori singoli di Michael Bubble e gli influencer hanno già decorato le loro case con gli ornamenti più alla moda.


È il momento in cui i marchi fanno più sforzi per avvicinare i loro consumatori attraverso l’uso di emozioni e sentimenti nelle loro strategie di comunicazione ma con un obiettivo chiaro, le vendite.

Gli influenti saranno il modo diretto per avere un impatto completo sull’obiettivo in una stretta e poco invadente. La creatività sarà una delle parti più importanti di questo tipo di strategia.

Da dove cominciare?

1- Quanto e chi vuoi vendere?

La chiave di Influencer Marketing è identificare il nostro target tra il pubblico per sapere a chi dobbiamo rivolgerci. Sapendo quale sarà il pubblico di destinazione sarà più vicino che mai alla cifra di vendita desiderata.

Per creare una campagna efficace con influencer non possiamo contare sulla fortuna per farlo funzionare, dobbiamo stabilire cosa vogliamo ottenere, cioè quanto vogliamo vendere. Non otterremo gli stessi risultati di vendita con le condivisioni Youtube come con un post Instagram, è importante fissare gli obiettivi per scegliere correttamente le piattaforme di comunicazione.

2- Scegli gli Influencer

Una volta stabilito chi vogliamo avere un impatto è necessario per dare particolare importanza alla scelta dei profili corretti per la campagna. La segmentazione è la chiave per Influencer Marketing, perché grazie alla diversità dei contenuti possiamo trovare un infinità di comunità di consumatori ad impatto. La possibilità di raggiungere il tuo obiettivo completamente attraverso la voce del tuo idolo o del tuo medico prescrittore è la forza di questo tipo di strategia.

Scegliere il giusto influenzatore sarà ciò che segna il successo della campagna.

3- Lavorare con loro

Gli influencer sono creatori di contenuti che lavorano con creatività come bandiera. Per creare una relazione soddisfacente tra un influencer e un marchio è molto importante rispettarli e dar loro spazio per creare e integrare messaggi commerciali all’interno del loro piano editoriale. Grazie a questa buona integrazione, i consumatori accetteranno il contenuto e creeranno affinità per target con il marchio.

Diamo alcuni esempi di buon lavoro in questo tipo di campagne:

The Body Shop crea il proprio calendario dell’avvento in cui il cioccolato cambia per mini-prodotto del marchio e lo invia agli agenti di bellezza più riconosciuti nel paese. In questo caso a @deardiaryblog.

Asos ha avuto Andrea Compton per realizzare un video in modo divertente sui prodotti natalizi come il maglione e il vetro della foto con tutti i link diretto per l’acquisto nella descrizione. Un ottimo modo per restituire un pubblico al Web e realizzare un acquisto di contenuti originale e divertente.

Come vediamo in questi esempi, alcuni marchi sono chiari che gli influencer sono un modo perfetto per fare pubblicità a Natale. The Body Shop utilizza le storie per integrare i loro prodotti nella routine natalizia dei creatori di contenuti. Questo carattere dinamico e l’uso di Swipe Up per tornare al negozio automaticamente è un chiaro esempio di un uso perfetto delle strutture di Influencer Marketing.

Un altro chiaro esempio di buon uso dei profili per l’impatto del target sarà Andrea Compton:

Vediamo come Asos pensa ad Andrea di vendere i tradizionali prodotti natalizi e le celebrità nei social network che acquistano quasi d’impulso. Grazie alla tecnologia di Influencity, analizzeremo il pubblico di Andrea:

Il suo pubblico si concentrerà su persone dai 18 ai 34 anni, l’obiettivo millenario, i consumatori di quel tipo di prodotto, dimostrando come la segmentazione è la chiave del successo di questo tipo di campagna.

4- Quando pubblicare? Conosci il tuo settore e incontra il tuo influencer

Per strutturare una campagna di Influencer Marketing è molto importante conoscere il tipo di prodotto che venderemo, la mente dei consumatori e la reazione o il comportamento del pubblico al contenuto dell’Influencer.

I prodotti che richiedono un lungo processo decisionale o che sono suddivisi in più di un agente, avranno bisogno di azioni di Influencer Marketing diverse da quelle con meno sforzo.

Con prodotti più complicati o che richiedono uno sforzo di acquisto importante scegliamo le recensioni di YouTube accompagnate da azioni di branding instagram per creare una combinazione perfetta di conoscenza del prodotto con prescrizione e visibilità. Per questo tipo di prodotti sarebbe necessario più tempo per divulgare i contenuti.

Se vogliamo vendere prodotti su impulso o con poco sforzo economico, useremo strumenti come storie di Instagram per insegnare il prodotto e tornare al web con ‘ ‘Scorri verso l’alto’ ‘o azioni di YouTube ma in contenuti come’ ‘hauls’ ‘o’ ‘whislists’ ‘.

 

5- Misura, non lasciare che la tua campagna vada da sola:

Le strategie di Influencer Marketing, come qualsiasi altra strategia, sono basate sui dati. Questi tipi di azioni ci danno l’opportunità di controllare immediatamente lo stato della campagna.

Grazie a tecnologie come il software di Influencity Analytics, è facile studiare i risultati delle pubblicazioni di influencer che abbiamo scelto per la nostra campagna.

] Il fatto di poter cambiare influencer, tipo di contenuto o messaggio durante la campagna sarà la migliore arma per la risoluzione dei problemi.

Come abbiamo visto, l’Influencer Marketing è lo strumento perfetto per indirizzare il tuo target e convertirlo in un consumatore grazie alle prescrizioni dei suoi idoli. Quanti saranno quelli che osano dare la spinta perfetta alla loro strategia di comunicazione quest’anno?

4 consigli per vederti più stilizzato

Devi essere intelligente quando scegli i vestiti e sai che alcune cose ci favoriscono e altre no. Per sapere questo, dobbiamo essere consapevoli di ciò che è la nostra silhouette, quali parti ci piacciono e che preferiremmo mascherare.

Tuttavia, ci sono due cose che vogliamo tutti indipendentemente dalla nostra taglia, altezza o silhouette, che i vestiti che abbiamo lasciato bene e, soprattutto, per farci sembrare stilizzati.

Oggi ti porto 4 consigli infallibili così puoi ottenerlo ogni volta che ti vesti …

Questo è un consiglio che puoi tirar fuori dai guai. Sia con un abito, una gonna o un pantalone, una scarpa nuda crea l’illusione di una gamba più lunga, questo perché non c’è nulla che taglia il piede e dona anche altezza. È sempre bene investire in un paio di stilletos color pelle, sono un jolly che ti servirà per tutta la vita.

Questo crea l’illusione della continuità, aggiunge altezza e stylize. Possono essere colori forti come il rosso che è super “in” in questa stagione, o il classico look in bianco o nero. Puoi giocare con le tonalità a patto che non contrastino molto, questo ti porterebbe fuori da questo effetto stilizzato a blocchi di colore.

  • Fondo dritto

Pantaloni, vestiti e gonne con taglio dritto danno l’illusione di una silhouette più stilizzata perché non segnano l’anca. A seconda della tua silhouette sceglierai il lancio dei capi, ma l’ideale è che l’outfit completo generi l’illusione di una silhouette più stilizzata.

Questa immagine può essere il tuo peggior nemico o il tuo miglior alleato. Per sembrare stilizzato, ti consiglio di scegliere delle strisce verticali che non sono molto spesse, questo genera anche quell’illusione di continuità. Che se, devi notare che il capo è buono, né troppo piccolo né troppo grande, non vogliamo che le strisce non si deformino generando illusioni visive che non ci favoriscono.

 

5 libri che non possono mancare nella biblioteca di una donna.

Ci sono libri che ci costringono a connetterci con il nostro potere femminile. In questo articolo, darai un’occhiata alle opzioni di lettura che non puoi perderti nella tua biblioteca per potenziare te stesso.

Qualità della vita: Happiness Proyect, Gretchen Rubin. Ci sono diversi progetti di queste caratteristiche, la moda del qui e ora è stata installata per rimanere. L’autrice racconta come, mese dopo mese, ha proposto di cambiare aspetti della sua vita e renderli più consapevoli. Da quello, ha trasformato il suo giorno in giorno. Almeno vale la pena provare

Viaggi: Ragazze a New York, Andy Clar. Tutti i segreti della Grande Mela si sono concentrati su un viaggio con gli amici. Luoghi da non perdere, consigli per il brunch, uscite serali, abiti, opinioni di donne di diverse aree con raccomandazioni. Inoltre, illustrazioni divine a Sex and the City.

Empoderate!: Big Magic, Elizabeth Gilbert. Mi dichiaro piuttosto un fan di questo autore. Il suo libro “Mangia, prega, ama” stabilisce un precedente dalla finzione. Ma in questo caso, il testo si concentra su una storia di testimonianze su come ottenere il meglio da noi stessi e potenziarci. Smetti di guardare fuori e tuffarti dentro, dove c’è la magia.

Sociologia femminile: Il mondo delle donne, Alan Touraine. Un’analisi sociologica del mondo femminile che non ha sprechi. Cosa significa essere una donna? Come costruiamo la nostra identità? Un’opzione diversa per incontrarsi e comprendersi da un altro posto.

Mangiare sano: Conoscere Mangiare, Michael Polan. Siamo sempre più consapevoli di ciò che mangiamo, del cibo che consumiamo. Attraverso semplici affermazioni, l’autore demolisce i miti e ritorna alle origini del cibo.

Attenzione ragazze! Questa è solo la prima parte di una serie di raccomandazioni che vorrei includere nella colonna. Per questo, mi piacerebbe sentire le vostre opinioni al fine di costruire una lista di potere delle donne all-inclusive!

Ho paura di vedermi allo specchio … Cosa fare?

Ciò che vediamo non è sempre ciò che è nella realtà.

Sembra un cliché, e anche una frase armata, ma è molto vero. E lo stesso accade quando siamo di fronte allo specchio. Molti di noi hanno provato angoscia quando dopo pochi giorni (ci sono persone che anche mesi, anni) ci vediamo di fronte allo specchio.

I cambiamenti che notiamo sono abissali e sfortunatamente non sempre rubano un sorriso o ci fanno sentire soddisfatto. È qui che nasce questa forte raccomandazione sull’esercizio dello specchio, che consiste nel darsi reciprocamente un paio di minuti al giorno davanti allo specchio con il semplice obiettivo di tenerci aggiornati con noi stessi.

Ma andiamo oltre. E pensiamo ai possibili scenari quando troviamo quella riflessione che non sempre ci piace.

  • Ti rendi conto che hai cambiato fisicamente. O per mancanza di attività fisica o mancanza di riposo a sufficienza per sentirsi in salute e felice.
  • Rileva che ci sono certi segni sul tuo viso che riflettono l’incuria, o con la tua pelle, le tue routine o anche per considerazioni quel tempo passa e mostra nella tua espressione (Hey, non è male incontrare anni o maturare, ma molte donne ne sono angosciate.
  • La tua posizione non è la stessa e riflette anche il tipo di attività cosa stai facendo ultimamente (con il pilota automatico), come essere ore davanti al computer, piegare la schiena o persino il modo in cui ora sei a testa in giù.
  • Cominci a sentire che i vestiti che hai indossato non hanno nulla a che fare con quello che senti o quello che fai nel tuo giorno.

I punti sopra menzionati sono situazioni che molti di noi attraversano, e non una volta ma a volte nelle nostre vite. Perché? perché cambiamo sempre, vogliamo vederci diversi ed è più che valido che ci interroghiamo.

Ma questo post non è per frustrarti o per farti sentire male, ma per darti alcune risposte a cosa Puoi farlo per superare quella paura e potenziare la tua immagine. In effetti un paio di giorni fa, ho pubblicato un video in cui ho parlato molto più esplicitamente di questo argomento, perché è comune sentire tutto questo alla fine dell’anno.

Come superare la paura davanti allo specchio?

  1. Generare l’abitudine. Se non sei abituato a guardarsi allo specchio, includi questa abitudine nella tua routine quotidiana. Sarai amichevole con chi sei in quella riflessione. Noterai che inizialmente ciò che ti ha infastidito, allora è riconosciuto come parte di te e inizi a connetterti con esso.
  2. Crea un piano che includa attività fisiche. Nemmeno la palestra mi piace, lo ammetto! tuttavia, da un anno fa (lo dico con orgoglio), mi sono concentrato su cosa dovrei fare se includessi attività fisiche nella mia settimana. E così ho generato l’abitudine di andare fino a 3 volte a settimana per esercitare.
  3. Inizia con piccoli obiettivi che puoi realizzare. Come ogni giorno ti vedrai allo specchio, quello deve essere una scusa per motivarti a raggiungere piccoli cambiamenti visibili. Ad esempio: non ti piace il trucco perché ti senti pigro, comunque ti piace vedere le altre donne quando si truccano. Inizia a provare gradualmente l’uso dei cosmetici, così ti abituerai a questa nuova abitudine e quindi non la vedrai come uno sforzo extra ma come parte della tua routine. E così puoi provare vestiti che non hai incoraggiato prima o accessori che richiamano la tua attenzione.
  4. Parla con rispetto e affetto. Non stare di fronte allo specchio per criticare quanto ti percepisci male, soprattutto a livello fisico. Se hai un complesso (ce l’abbiamo tutti) o qualcosa ti disturba, dovresti sapere che è inutile riempirti di odio contro quella zona del tuo corpo. Al contrario, più energia spendi per insulti, rimproveri e offese contro di te, maggiore è la forza che stai dando a quell’area per sentirti e sembrare negativa. Questo è qualcosa che mi è costato parecchio in certe aree del mio corpo con cui non andavo d’accordo da bambino, ma è vero che nel corso degli anni si inizia a creare un altro tipo di relazione con il proprio corpo, e il migliore, per valutare la salute che ha.
  5. Usa lo specchio come miglior consigliere. Ogni volta che provi qualcosa di nuovo ogni giorno guardati e vedi cosa lo specchio deve dirti. Ancora una volta, chi meglio di te sa cosa ti fa sentire bene?

Se proponiamo di stabilire una migliore relazione con la nostra immagine, qualsiasi obiettivo che stabiliremo sarà più facile da raggiungere. Ci vuole tempo, disciplina e tanta energia, ma ne vale la pena, perché investirai nella migliore relazione della tua vita, quella che hai con te.